Gelate

Pro e contro delle diverse strategie di protezione dal gelo.

FrostBoss
12 minutes

‍Pro e contro delle diverse strategie di protezione dal gelo.

Per tenere sotto controllo il gelo occorre innanzitutto scegliere un buon sito e una buona disposizione. Sfruttando le barriere frangivento naturali, le posizioni soleggiate e un buon drenaggio, si darebbe una grossa mano alla crescita e alla fioritura delle gemme. Ma neanche un frutteto o un vigneto che goda della miglior posizione è immune dalle severe gelate primaverili e autunnali, e ha bisogno di ulteriore assistenza per ridurre al minimo la caduta dei boccioli al di sotto di temperature critiche, che possono danneggiare i tessuti delle piante.

Prima di passare in rassegna le soluzioni di protezione dal gelo, è molto importare capire da dove arriva e da dove esce l’aria fredda in un appezzamento. Il drenaggio di aria fredda, noto anche come flusso catabatico, agisce come l’acqua che scorre giù da una collina. Proprio come nel caso dell’acqua, in presenza di un'ostruzione come un blocco di cemento o un filare di alberi, l’aria fredda si accumula dietro di essa come se fosse una diga. Si innalza inoltre fino ad un’altezza 4 o 5 volte superiore a quella dell’ostruzione.

Se le colture si trovano dietro tale ostruzione, saranno molto probabilmente colpite quando le temperature scenderanno. Se una protezione dal gelo viene posizionata in mezzo a un flusso catabatico, quest’ultimo influirà sulla circolazione dell’aria calda e sulla copertura dell'area circostante (ad esempio, per via del flusso catabatico, una ventola antibrina coprirà una superficie ellittica anziché circolare).

La scelta della giusta soluzione di protezione dal gelo non è una decisione semplice. Vanno soppesati molti fattori, tenendo presente che una soluzione economica nell'immediato può rivelarsi costosa a lungo termine. 

Ecco alcune delle domande da porsi ora:

Disponete della manodopera necessaria per utilizzare apparecchiature manuali?

Siete in grado di posizionare l’apparecchiatura nella posizione giusta al momento giusto?

Avete abbastanza carburante a disposizione?

Disponete di liquidità per acquistare opzioni costose?

Avete spazio?

Ci sono restrizioni emesse dalle autorità locali o di carattere ambientale da prendere in considerazione?  

Esistono vari modi per proteggere gli alberi da frutto, le viti e i raccolti dal gelo.

  1. Aggiungendo calore mediante l’uso di acqua e bruciatori
  2. Mescolando l’aria fredda con quella calda e spingendo l’aria miscelata nelle zone coltivate
  3. Conservando il calore e non facendolo andare via

Ogni soluzione è in grado di aumentare la temperatura in modo diverso ed è possibile utilizzare una o più soluzioni.

Analizziamole una alla volta.

Protezione passiva

Prima di piantare, esaminate tutti gli elementi presenti nella vostra proprietà: edifici, case, capannoni, recinzioni, impianti di lavorazione, colline, argini, accumuli di attrezzature abbandonate, cumuli di terra. Possono essere rimossi facilmente per ridurre al minimo il ristagno di aria fredda dietro di essi?

La scelta di varietà a fioritura tardiva può rivelarsi una buona arma nella lotta contro il gelo, impedendogli di colpire le gemme in crescita, ma richiede del lavoro aggiuntivo per potare gli alberi affinché i frutti crescano al di sopra della zona di accumulo dell’aria fredda.

Pro:

●      Soluzione economica

●      Uso di strutture esistenti per formare o ridurre una barriera

●      Non sono necessari esborsi aggiuntivi o troppa manodopera

Contro:

●      Se sono posizionate in modo errato, le strutture possono far ristagnare l’aria fredda dietro di esse

●      Nessun riscaldamento per aumentare la temperatura dell'aria

●      Gli alberi richiedono maggiore cura per potare la parte superiore verso l’alto

Bruciatori e candele antigelo

Il riscaldamento dei frutteti è un metodo che richiede molta manodopera, con circa 100-125 bruciatori o candele antigelo per ettaro da accendere e mantenere in buono stato di funzionamento. Le squadre restano sveglie tutta la notte alla ricerca costante di segni di brina, dovendo accendere rapidamente i bruciatori quando la temperatura cala. Tuttavia, tale metodo sta riscuotendo sempre meno interesse per via dei costi elevati, del notevole uso di carburante, dell'inquinamento atmosferico e della scarsa efficacia nel fornire calore.

I bruciatori contribuiscono a prevenire la formazione di sacche di gelo, ma solo il 10-15% del calore prodotto rimane nel frutteto. I bruciatori mobili sono meno efficaci in quanto portano via l’aria dalle piante quando vengono trainati nel frutteto.

Se però vengono utilizzati associati a macchine del vento, la loro efficacia aumenta in quanto l’aria che sale viene portata nuovamente verso il basso.

Le inquietudini sulla qualità dell’aria hanno portato alla messa al bando dei bruciatori antigelo in alcune parti del mondo. Occorre inoltre basarsi su ipotesi per decidere quale sia il momento migliore per accenderli e un eventuale errore sulla tempistica, accendendoli troppo presto o troppo tardi, può rivelarsi costoso.

I bruciatori richiedono inoltre molta manutenzione, poiché devono essere puliti ogni 20-30 ore di utilizzo.

Pro:

●      Aumentano l’efficacia delle macchine del vento se vengono utilizzati associati a ventole antibrina

Contro:

●      Richiedono molta manodopera per le operazioni di accensione e manutenzione

●      Costosi da gestire

●      Bisogna basarsi su ipotesi per accenderli al momento giusto

●      Elevato inquinamento atmosferico e vietati in alcune zone

●      Richiedono molta manutenzione

Aspersione e irrigazione

I maggiori aumenti di temperatura si ottengono spesso con le soluzioni che utilizzano acqua, che possono inoltre rivelarsi le più economiche. Il calore dell'acqua viene rilasciato a basse temperature nell'ambiente circostante ed è in grado di riscaldare selettivamente la parte più fredda delle piante, costituendo così una soluzione molto efficiente.

Tuttavia, che si tratti di irrigazione a pioggia per incapsulare le gemme con ghiaccio o di aspersione sottochioma, le preoccupazioni di carattere ambientale hanno un peso determinante nei sistemi di protezione dal gelo che utilizzano acqua.

I metodi di irrigazione richiedono un elevato flusso continuo d’acqua: 10.000 litri di acqua per ettaro all'ora per ogni grado di gelo (ad esempio, una gelata a -2 °C richiederebbe l’uso di 20.000 litri per ettaro all'ora). Tale soluzione produce quindi un consumo idrico e un impatto ambientale elevati, oltre a richiedere l’uso di tubi e pompe di grandi dimensioni. In caso di siccità nella zona, di restrizioni idriche e di politiche imposte dalle autorità locali, o in caso di guasto alla pompa, è necessario disporre di una soluzione di riserva per evitare disastri.

Possono inoltre sopravvenire danni collaterali quali malattie, terreni saturi, ruscellamento, lisciviazione di sostanze nutritive e di altri prodotti agrochimici. L’aspersione soprachioma rischia inoltre di provocare danni ancora maggiori se viene eseguita in modo errato, arrivando potenzialmente a distruggere un frutteto anziché proteggerlo.

L'aspersione sottochioma utilizza la metà dell'acqua ma anche il conseguente aumento di temperatura è dimezzato. Inoltre, la maggior parte del calore deriva dal raffreddamento dell'acqua piuttosto che dal calore rilasciato quando l'acqua gela, perciò è preferibile utilizzare acqua più calda, che dimezzerebbe anche il consumo idrico.

Pro:

●      Soluzione economica

●      Efficiente nell’aumentare le temperature e nel portare il calore dove serve

●      È in grado di offrire una certa protezione in caso di gelate da avvezione

Contro:

●      Elevato impatto ambientale in termini di consumo idrico, con i relativi problemi che ciò può comportare

●      Occorre disporre di una soluzione di riserva in caso di siccità o di restrizioni sull'uso dell'acqua

●      Le pompe sono soggette a guasti

Ventole antibrina e macchine del vento

Durante la notte, l’aria calda sale mentre l’aria fredda si accumula al livello degli alberi e delle colture. Le macchine del vento e le ventole antibrina aspirano l’aria calda verso il basso e la soffiano negli strati inferiori. Questa va a mescolarsi con l’aria fredda facendo risalire la temperatura delle piante e del terreno così da impedire il deposito di gelo con i conseguenti danni alle gemme, riducendo di conseguenza gli sprechi e aumentando la resa.

Esistono varie versioni di macchine del vento e ventole antibrina: dalle torri FrostBoss® a 4 e 5 pale, eleganti, silenziose e di alta ingegneria (una delle opzioni a minor consumo di carburante sul mercato, con un’ottima superficie di copertura e pale progettate da ex specialisti di vela dell’America’s Cup), alle ventole a 2 e 3 pale, dai modelli portatili che possono essere trainati dove serve alle macchine reclinabili che permettono di liberare il campo visivo.

Le macchine del vento dotate della funzione di avvio automatico evitano di dover fare ipotesi sul momento giusto in cui serve proteggere le piante, non richiedono alcuna prenotazione in anticipo come gli elicotteri, né manodopera a disposizione per accendere i bruciatori e tenerli sotto controllo durante la notte, e non è necessario rispettare tempistiche precise come per l’irrigazione.

Le ventole antibrina come le FrostBoss® sono dotate di hardware e sensori integrati compatibili con le rispettive applicazioni di monitoraggio, che consentono di vedere da remoto e in tempo reale se la ventola è attivata, per quanto tempo è rimasta in funzione, qual è la temperatura del terreno, oltre a permettere di esportare i dati, il che può rivelarsi particolarmente utile qualora gli enti locali richiedano informazioni sull'utilizzo ai fini del rispetto dei permessi e delle autorizzazioni.

Funzionano meglio in caso di gelate da irraggiamento, data la presenza di aria più calda che può essere aspirata verso il basso, mentre sono meno efficaci durante le gelate da avvezione poiché la maggior parte dell'aria è più fredda. L’abbinamento con i bruciatori aiuta a mantenere la distribuzione dell’aria calda e le temperature più elevate.

L'importanza di scegliere bene le pale. Un’elica a pale ritorte con il giusto passo aerodinamico dall’estremità al mozzo garantisce una distribuzione più uniforme dell’aria in una zona più vasta e il maggior numero di pale riduce il tipico rumore di elicottero. La turbolenza creata da un numero inferiore di pale che girano a un regime più elevato può far sì che la torre si muova maggiormente, facendo aumentare la necessità di manutenzione e riparazione.

Pro:

●      Riducono l’errore umano

●      Fanno risparmiare tempo

●      Ottima copertura e una delle opzioni a minor consumo di carburante per la protezione dal gelo

●      Più convenienti degli elicotteri a lungo termine

●      Nel tempo è possibile eseguire un upgrade di componenti quali pale e motori

●      Possono essere combinate con i bruciatori per supportare la distribuzione dell'aria calda

●      Alcuni modelli dispongono di applicazioni compatibili per monitorare le ventole

Contro:

●      Le macchine del vento non sono tutte uguali: la qualità, i risultati e la copertura differiscono a seconda dei costruttori

●      Meno efficaci durante le gelate da avvezione

●      Devono essere posizionate in modo efficace per garantire la massima copertura e il minor inquinamento acustico o visivo

●      Un numero inferiore di pale può creare grandi turbolenze e maggiore rumore

Elicotteri

Con un ruolo simile a quello delle ventole antibrina, gli elicotteri possono essere impiegati per aspirare l’aria calda verso il basso spingendola sulle colture. Possono coprire un’area molto più vasta rispetto alle macchine del vento, rivelandosi così molto efficaci per raggiungere le zone desiderate, ma hanno un costo di noleggio all’ora molto elevato e potrebbero non mescolare bene l’aria calda con quella fredda come le ventole antibrina.

Prenotare un elicottero affinché voli al momento giusto significa basarsi su congetture e tenere sotto stretta osservazione la temperatura del terreno e le previsioni dettagliate. Se gli elicotteri si alzano in volo troppo presto, troppo tardi o non volano affatto in caso di gelate improvvise, significa che non si dispone di alcuna copertura durante la gelata. Un’ipotesi sbagliata può risultare molto costosa, ritrovandosi a pagare degli elicotteri quando non sono necessari o a fare i conti con i danni alle colture provocati dal gelo depositato su di esse.

Oltre al tempo effettivo di volo, bisognerà prendere in considerazione anche quello necessario per avere gli elicotteri a disposizione. Inoltre, nei periodi più freddi la superficie di copertura si riduce, poiché le temperature calano e c’è quindi meno aria da mettere in circolo.

Se avete dei vicini, occorre tenere conto dell’inquinamento acustico. Gli elicotteri sono più rumorosi e devono restare in volo parecchie ore al fine di garantire una protezione dal gelo efficace.

Pro:

●      Coprono una superficie ampia

Contro:

●      Costi elevati per il funzionamento o in caso di errore

●      Bisogna basarsi su ipotesi affinché gli elicotteri volino al momento giusto

●      Meno efficaci delle macchine del vento

●      Molto rumorosi

●      Copertura ridotta quando fa più freddo



Se desiderate avere maggiori informazioni sull’innovativa gamma di soluzioni FrostBoss® per la protezione dal gelo, non esitate a contattarci per sapere se le ventole antibrina sono la soluzione adatta a proteggere il vostro investimento.